Seleziona una pagina

Sempre più spesso utilizzati per garantire una maggior conservazione degli alimenti, fra cui la carne, i solfiti sono sostanze conservanti, che permettono di evitare l’ossidazione.

Come agiscono i solfiti negli alimenti

I solfiti, così come altri additivi, svolgono un’azione conservativa, rallentando la crescita microbica e antiossidante, e aiutando a mantenere il colore rosso delle carni. Il loro utilizzo, però, è vietato. Uno studio scientifico pubblicato circa due anni fa ha rilevato, infatti, come i solfiti siano in grado di danneggiare i batteri benefici presenti nell’intestino umano. Questi batteri sono importantissimi per i processi metabolici e la risposta immunitaria dell’organismo, e quando i batteri vengono compromessi l’intero organismo ne risente di conseguenza, risultando più suscettibile alle malattie.

Nella ricerca portata avanti dalla Pusan National University in Corea, è emerso come gli effetti dell’assunzione di solfiti (anche in dosi inferiori rispetto a quelle considerate sicure dalle Agenzie Internazionali) possano avere un grosso impatto su quattro importanti specie di batteri benefici intestinali, portando a una loro drastica diminuzione.

Cosa sono i solfiti, chimicamente parlando

Quando parliamo di solfiti, anche nella carne (e specialmente negli hamburger), ci riferiamo a varie sostanze, ma in primis all’anidride solforosa. L’anidride solforosa (detta anche ossido, biossido o diossido di zolfo) è un gas incolore, dall’odore pungente che risulta, però, avere effetti tossici e allergenici.

Problematiche che i solfiti possono innescare

Quali sono gli effetti indesiderati dei solfiti? Mal di testa, innanzitutto, specialmente nei soggetti sensibili a queste sostanze. Per i soggetti asmatici, infatti, basta un’assunzione di dosi molto basse di solfiti per scatenare reazioni allergiche. Altre possibili manifestazioni? Nausea, vomito, vampate di calore, ipertensione. Ma il dramma non si conclude qui, perché l’anidride solforosa sembrerebbe essere connessa all’azione degradativa a carico della vitamina B1, la cui carenza nell’uomo può provocare significative alterazioni a carico del metabolismo degli zuccheri (fra le prime cause di diabete).

Su questo sito si utilizzano cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web.<br>Se vuoi saperne di più o modificare il consenso clicca su “Ulteriori informazioni”. Cliccando su “Accetta”,<br>effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi